Südtirol Online Marketing – WIKU Rubrik

“Ecco come funziona il marketing digitale” di Max Mangifesta – Digital Marketing Manager

 

Addio Libra, benvenuto Facebook Pay. Solo poche settimane dopo l’amara battuta d’arresto del progetto di Mark Zuckerberg per la cripto-valuta Libra, il fondatore di Facebook tira fuori un nuovo coniglio dal suo cilindro: una nuova piattaforma per i pagamenti digitali che funzionerà su WhatsApp, Messenger e Instagram oltre che su Facebook. Il sistema di pagamento sarà inizialmente lanciato su Facebook e Messenger – e solo negli USA. Entro pochi mesi, e probabilmente in concomitanza con il lancio internazionale, la piattaforma sarà ampliata per includere Instagram e WhatsApp.

Fondamentalmente pagare tramite Facebook non è una novità – anche se in Italia viene usato raramente. Già in passato era possibile effettuare una grande varietà di transazioni.

“Facebook Pay faciliterà queste transazioni e fornirà un’esperienza di pagamento conveniente, sicura e coerente”

ha dichiarato Deborah Liu, Vice Presidente di Facebook. Ad esempio, Facebook Pay consente agli utenti di partecipare a campagne di raccolta fondi, scambiare denaro con gli amici o effettuare determinati tipi di acquisti, come ad esempio biglietti o prodotti da venditori sul Marketplace di Facebook.

La sicurezza prima di tutto

L’azienda di Menlo Park ha prestato particolare attenzione alla sicurezza dei dati degli utenti quando ha presentato Facebook Pay. La protezione delle informazioni relative alle carte di credito e un migliore controllo dei pagamenti, viene garantito dall’utilizzo di un codice o da uno dei servizi di riconoscimento biometrico disponibili.

Il lancio di Facebook Pay segue la visione di Zuckerberg di un ecosistema Facebook unificato. Il fatto che Facebook Pay sarà disponibile per tutte le applicazioni del gruppo è un’ulteriore prova del fatto che Zuckerberg vuole fondere le sue applicazioni in un unico grande sistema di messaggistica integrato. E anche l’introduzione del nuovo logo aziendale, che si differenzia dal classico logo dei social network, indica questo cambiamento. Il nuovo logo sarà utilizzato da varie applicazioni e attività dell’azienda per sensibilizzare gli utenti quando utilizzano un’applicazione dell’ecosistema di Facebook. Questo approccio è stato criticato dagli esperti di marketing.

Cosa ne pensano gli utenti?

Quindi, alla fine, rimane solo una domanda: Facebook Pay sarà accettato dagli utenti? Poiché l’azienda non gode di molta fiducia in fatto di sicurezza, resta da vedere come Facebook Pay sarà accolto in America e se l’azienda sarà in grado di dissipare qualsiasi preoccupazione sulla protezione dei dati. Chiaramente, il sistema di pagamento è un elemento importante nella strategia di e-commerce di Facebook.

Ma dato che per il momento in Italia non avremo comunque a che fare con il nuovo sistema di pagamento, possiamo stare a guardare cosa succede.